IL LAVORO SU DI SÉ VISTO ATTRAVERSO GLI OCCHI DEL MIO CUORE




Il lavoro su di sé l’ho spesso definito come un’avventura, una caccia al tesoro e, ancora oggi, dopo 23 anni da quando ho iniziato questo cammino, trovo sempre sorprese e tesori.


Nel 1996 un amico mi propose di partecipare a una serata di presentazione di un corso che lui stesso non era stato in grado di spiegare… dopo quella serata io mi iscrissi al corso, lui desistette.

Se mi avessero detto che un giorno questo sarebbe stato il mio mestiere non ci avrei creduto, eppure eccomi qui.

Chiaramente, in questi anni ci sono stati alti e bassi e anche momenti in cui ho sospeso il lavoro su di me. Ci sono stati momenti in cui ho creduto che non fosse la cosa più importante della mia vita e che avrei potuto farne a meno.

Ma questo è ciò che sono chiamata a fare e, per condurmi qui, la vita (e, nel mio caso, neanche in modi molto gentili) mi ha fatto comprendere che stavo andando fuori strada e che era urgente “rientrare” sul cammino.

E così ho fatto.

Ciò che maggiormente mi è piaciuto (in riferimento a questo percorso) non ve lo so dire, non c’è tecnicamente un qualcosa che mi abbia fatta innamorare del “risveglio”, eppure una forza mi ha conquistata interiormente e ha messo le basi per tutto ciò che è avvenuto in seguito.

Ecco cosa intendo io per “sorprese”: anche quando non sai ancora nulla (a livello cosciente) sei sempre guidato da una Forza inarrestabile che ti porterà inesorabilmente dove devi essere.

Questo è il più grande insegnamento che ho tratto: sento profondamente di essere in ogni istante nel posto giusto al momento giusto.


La Forza di cui parlo è divenuta più grande delle paure della personalità, lei è onnipresente, un faro fisso, oltre le nebbie e le sabbie mobili.

Ma per accedere a tale Forza, bisogna innanzi tutto conoscere nebbie e sabbie mobili poi, in un secondo momento, si potrà distinguere ciò che "arriva e passa" (le illusioni) da ciò che resta (la realtà).

Il lavoro su di sé non è una cassetta di pronto soccorso.

Non contempla la pillolina magica che ti porta dall’apatia alla gioia o dal problema alla soluzione in un battibaleno… a meno che tu non abbia già fatto un lavoro interiore grazie al quale ad un certo punto: PUFF! Tutto ti diventa chiaro.



Io non sono un’illuminata e non ho mai puntato a questo, io ho sempre puntato alla Gioia, quella inamovibile.

Per me, infatti, il ricordo di sé è la via che conduce alla libertà e, appunto, alla gioia.


“Ma i problemi quando finiscono?” spesso mi viene posta questa domanda durante i corsi.

“Mai” rispondo io “però se ogni volta che arriva una difficoltà tu ti senti tra le braccia del Padre e sai che è un’opportunità per amare di più… ti assicuro che lo spirito con cui affronti la questione è completamente diverso dal sentirsi vittime sfortunate di un mondo ingiusto!”

Chiaramente io non vi sto parlando di una convinzione mentale.

Vi sto parlando di una trasformazione interiore che cambia la visione che avete su: tutto.


La Forza di cui vi ho parlato prima è dentro di noi.

Questo significa che dobbiamo divenire coscienti del nostro potere (che si manifesta attraverso i nostri talenti) e coscienti dell’apparato psicofisico che occupiamo o, se preferite, che utilizziamo come “mezzo” per imparare ad amare ogni giorno di più.

Attraverso la consapevolezza di essere scintille divine in un corpo umano, possiamo trasformare quella che ci sembra quotidiana sopravvivenza in VITA.

La sopravvivenza vede ogni difficoltà come ostacolo fine a sé stesso, la vita vede ogni ostacolo come opportunità per migliorare un talento.

Però fate attenzione: non diventate fanatici delle difficoltà e non andate a cercarle ad ogni costo.

La vita ci dà sempre ciò ci serve, nel momento giusto.

Non confondete l’assidua ricerca del “difficile” con il lavoro su di sé.

Consapevolezza è sinonimo di serenità e stare bene, ma ad un livello interiore, accessibile a pochi.

Siamo abituati a vivere sereni tra un problema e l’altro, mentre la serenità interiore è una base indistruttibile su cui poter svolgere ogni nostra quotidiana azione.

Potrei quasi osare a dirvi che con tale serenità e forza interiori, si arriva a fare l’amore con i problemi perché essi non rappresentano più un nemico, bensì una parte di noi da conoscere, accogliere e amare.


Il lavoro di Risveglio si basa sui seguenti principi:

· la GIOIA che scaturisce dalla presenza nel QUIeORA;

· la progressiva gestione dei corpi: fisico, emotivo e mentale;

· la trasmutazione delle emozioni e l’apertura del Cuore;

· l’arte e la bellezza.

Per sentire il desiderio di "svegliarsi" è necessario, innanzitutto, rendersi conto che viviamo in uno stato di «sonno», che ci rende dipendenti dalla lamentela e dal mondo esterno. Osservare come siamo fatti, senza alcun giudizio, è il primo passo per iniziare ad essere i creatori della nostra Realtà.

Riuscire ad accettare, senza sensi di colpa, il COME siamo fatti, significa già essere proiettati nella Perfezione e nella Bellezza.

Non è dunque necessario cambiare casa, lavoro, partner, amici o altro.

Qui, esattamente dove ci troviamo adesso, esiste la realtà di una vita dove ogni gesto parte dall’amore per condurci all’amore, non l’amore edulcorato dei filmetti romantici, ma l’amore quotidiano, tangibile, fatto di gesti e relazioni con gli altri.

Il lavoro di Risveglio è efficace perché ci conduce all’accettazione di noi stessi e, grazie a ciò, iniziamo a comprendere le nostre dinamiche interiori, e di conseguenza ci si apre un mondo: la visione della perfezione in noi e negli altri, così come in ogni situazione della vita.

Il mondo cambia come conseguenza del cambio di visione che abbiamo di noi stessi. Quello che crediamo essere il mondo "esterno a noi" è, in realtà, la materializzazione di come noi vediamo noi stessi.

La Gioia, quella vera, quella che nasce dal Cuore, è contagiosa, immortale e inamovibile...

Essa vi fa innamorare di quelle situazioni e persone che fino a qualche tempo prima detestavate.

La consapevolezza vi rende i “Capitani della vostra vita” dove il vostro stare bene dipende da voi e voi soltanto.


“Vorrei tanto diventare come te…” anche questo mi dite ai corsi.

“Cioè lunatica e asociale?” vi rispondo io, e normalmente le persone ridono…

Ma approfitto di questo post per specificarvi che io vivo in un corpo umano fatto di carne, ossa, muscoli, emozioni e pensieri esattamente come voi!

I miei corpi vanno educati esattamente come i vostri.

Io perdo la pazienza esattamente come alcuni di voi.

...poi, magari, essendo che lavoro su di me da anni, può accadere che io abbia (in alcuni contesti) un piccolissimo vantaggio: ho iniziato prima, quindi mi è più facile accettare ciò che qualcuno ancora definisce “difetto” o "problema".

Quando io approccio un mio difetto e riesco già a vederlo come un potenziale talento è solo perché ci lavoro su da anni, quindi se volete anche voi ottenere questo tipo di risultati non avete che da iniziare.

Adesso.

Ultima cosa: non cercate di assomigliare a qualcuno (a meno che non si tratti di personaggi come Gesù…) perché voi siete sacri e unici!

Se mai voleste (Dio vi salvi!) assomigliare a me, sareste costretti a soffocare la vostra Bellezza, mentre lo scopo di ciascuno di noi è brillare per ciò che è.


Vi abbraccio!

Paola


PROSSIMI APPUNTAMENTI

​ROMA

Corso di Risveglio 1° anno

Prima lezione: domenica 29 settembre 2019 - Orario: 10:00 - 18:00 circa

Cadenza: una domenica al mese, per un totale di 6 incontri

Info: manuelapaloni@gmail.com


VERONA

Corso di Risveglio 1° anno

Prima lezione: domenica 20 ottobre 2019 - Orario: 10:00 - 18:00 circa

Cadenza: una domenica al mese, per un totale di 6 incontri

Info: risveglioverona@gmail.com


TORINO, MILANO

Seminari in Movimento

Work in progress...

Stiamo organizzando le date per i Seminari in Movimento per poter creare piccolo percorso continuativo, nell'arco dell'anno, stiamo pensando di compiere a tappe un lavoro profondo su emozioni e corpo, un lavoro di Gruppo dove il Gruppo impara a conoscersi, ad aprirsi e a scoprirsi per poter imparare ad accettarsi e a collaborare: due vie indispensabili alla creazione della Bellezza.

Stay tuned!

380 visualizzazioni