L'amore profondo



"Non è vero che l’amore è profondo se fa soffrire, che l’amore ci insegna col dolore e lo struggimento.Questo accade perché non ci adagiamo nell’aporia, come farebbe un bambino tra le braccia di una madre.Siamo figli del mistero, eppure rifiutiamo il suo abbraccio.Siamo figli della bellezza, ma la vogliamo canonica e moderata, dimenticando che in natura la bocca di un vulcano, l’impeto del mare in tempesta, il fulmine che squarcia le tenebre sono bellezze quanto il velluto bianco dei petali di un giglio o il tepore del sole di un mattino di bonaccia.

Così rifuggiamo il mistero in noi e nell’altro e la bellezza in noi e nell’altro.Così Amore non si manifesta e non ci possiede.Invece, la vertigine ci attende e avrà gli occhi di chi ci mette di fronte a noi, di chi ci fa essere di più noi stessi."

ANATOMIA DELLA COPPI – E. F. Poli


18 visualizzazioni