Tempo di PASSIONE



A livello emotivo-mentale rifiutiamo la parola “martirio”.

Che ce ne rendiamo conto o no, che lo si ammetta o no, è un termine che ci spaventa, la interpretiamo come sinonimo di pesantezza e sofferenza sia perché così ci è stato insegnato, sia perché di norma la vita è un susseguirsi di difficoltà, fastidi, problemi da risolvere, paure da scacciare, ansie da tener a bada e mete da raggiungere!

…insomma, di “martirio” ne abbiam piene le tasche, ma non riusciamo a liberarcene.

Certo, magari dipende dai periodi, ma se a grandi linee è così, significa che stiamo già vivendo il nostro martirio (grande o piccolo, sporadico o quotidiano che sia) lui, il nostro martirio, è già lì con noi e noi siamo costretti a soggiacere.

Siamo anche abituati a dire “…sto subendo uno di quei martiri che…”.

La grande potenza del martirio, invece, sta nel poter scegliere di “andarci incontro” per viverlo come Atto Sacro.

Servono: Fede inamovibile e Tenerezza intrisa di Perdono.

Questi sono i temi trattati nella conferenza (prima metà del pomeriggio).

Nella parte “in movimento”, invece, gli stessi argomenti verranno approfonditi attraverso esercizi con la musica, diretti alla presenza nel QUIeORA e al ricordo di sé al fine di per poter osservare la nostra macchina biologica e imparare a conoscerne la “meccanica”, la perfezione e la gestione (disidentificazione).

Il continuo sforzo alla presenza nel QUIeORA fa sì che il nostro apparato psicofisico torni ad essere ciò che è sempre stato: un insostituibile mezzo, un perfetto tempio nel quale risiedere o meglio ancora…uno strumento magico!

Seminario a numero chiuso.

Info e prenotazione obbligatoria a Livio: mail info@edilcasabrogiato.it - tel. 340/531.41.05


7 visualizzazioni